Sabato, 27 maggio 2017 - ORE:17:41

Jack White & Patrick Carney. Baruffa tra adolescenti


Jack White & Patrick Carney
Jack White e Patrick Carney, foto via Facebook. Montaggio: Andrea Cremascoli

Cosa cova sotto la cenere

Jack White & Patrick Carney. Leggere questi nomi vicino, lasciatemelo dire, mi ha non poco emozionato. Una collaborazione per un brano? Un album? Fanno un gruppo insieme? No, no e no. Hanno semplicemente provato a dare il via a una rissa in un pub di New York.

Non si può essere simpatici a tutti e certamente non possono starti simpatici tutti. Jack White non ha mai mascherato il suo odio verso i Black Keys. Il motivo di cotanto odio? L’ex White Stripes accusa la band rivale di avergli rubato il sound. Prossimo incontro: Robert Plant Vs Jack White.

Come dice Taylor Swift: chi odia deve odiare, odiare, odiare. Nel 2010 girava voce che avesse vietato ad Auerbach e Carney di mettere piede nel suo studio di Nashville. Nel 2013 sono venute fuori delle email con delle affermazioni non proprio gentili (offese) nei confronti del figlio di Dan Auerbach. I figli frequentano la stessa scuola. In quella occasione Patrik Carney intervenne sulla questione cercando di mitigare le acque: “Tutti dicono cose del genere in privato“. Dopodiché è stato eletto membro ad honorem dell’UN.

L’incontro romantico

La serata procedeva tranquilla. Jack White era su un divanetto con con il suo drink, sicuramente non un cosmopolitan. Qualche risata e un paio di discorsi. Tutto normale. Finché non entra lui: Patrik Carney accompagnato dal classico gruppo di amici.

Il cuore di Jack White inizia a battere all’impazzata. Quasi non ci crede. I due non si erano mai incontrati prima. Jack decide di avvicinarsi a Patrick per dirgli qualcosa all’orecchio.

Il gesto viene frainteso e si grida alla scandalo. “È rissa!” grida qualcuno, “È guerriglia urbana” urla qualcun altro, “È il più grande spettacolo dopo il Big bang!” Jova, per favore.

Il giorno dopo

Il fatto è che alla fine non si è più capito nulla. Patrik Carney ha lasciato a Twitter la sua versione dei fatti, astenersi fraintenditori.

“Non ho mai incontrato Jack White. Questo fino all’altra sera.”

Ecco. C’è già dell’amore nell’aria. Come disse la Findus. “That’ s Amore”. Ma andiamo avanti.

“È venuto in un bar di NYC e ha fatto passare a me e alcuni amici dei brutti momenti perché voleva fare a botte con me. Non faccio mai risse, né vengo mai attaccato ma lui era infuriato! Lui è il motivo per cui faccio musica: gli stronzi come lui, che mi hanno sempre fatto sentire una nullità. Una volta la musica era qualcosa di individuale, senza che ci fosse una competizione. Non che abbia problemi con lui. Sono diventato musicista perché mi piacevano molto i Led Zeppelin e volevo fare il chitarrista. Poi mi sono tagliato un mignolo e son finito a fare il batterista. Non il miglior batterista ma di sicuro appassionato.”

Grande. Una lacrimuccia è concessa. Una!

“Quanto a Jack White, un bullo 40enne ha cercato di picchiare un nerd 35enne. Questa cosa potrà fare scalpore così come potrà risultare davvero triste, patetica.”

Sicuramente possiamo fare noi il lavoro di Wikipedia e disambiguare la cosa.

Ma quindi com’è finita?

Il Balck Keys Patrik Carney ha chiuso la cosa con un ultimo tweet:

“Jack White è praticamente la forma umana della t-shirt da coglione di Billy Corgan, quella della Zero.”

Era davvero necessario? Forse no. Alla vera conclusione della faccenda manca la versione di Jack White e magari Dan Auerbach che decide se mettere bocca, mano o piede nella questione o entrare in casa di Jack direttamente con un bulldozer per (ap)pianare la discussione.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 54 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.