Mercoledi, 26 luglio 2017 - ORE:16:31

We Play Music & Art Festival 2012 – La ricetta dell’evento perfetto


Prendete una marea di giovani e frizzanti bollicine, pronte a ballare senza sosta fino alle prime ore del mattino. Siate sicuri di riempirci un intero salone e lasciatela fermentare e ribollire d’eccitazione.
Conditela con un mix dei generi più freschi e nuovi sulla scena elettronica internazionale, il tutto prodotto dalle menti sane e genuine di artisti nostrani, cresciuti sotto il terreno fertile delle etichette indipendenti.

Drum’n Bass? Dubstep? Jungle? Techno? Electro? Frullate tutto dietro le console, senza preoccuparvi di fare troppo ordine, non ne serve.
Avete già l’acquolina in bocca non è vero? Non vedete l’ora di infornare il vostro piatto e divorarvi il vostro sabato sera? Non è ancora finita!
Non dimenticatevi il tocco finale: guarnire il tutto con visual performances, installazioni di luci spettacolari, proiezioni video, esposizioni d’arte e diffusori a paletta.

Piatto troppo esotico e mondano per la nostra piccola città, starete sicuramente pensando. Ha il sapore delle feste e dei locali all’inglese, della corsa ai clubs più esclusivi nelle grandi città europee, delle discoteche delle isole spagnole dove si fa baldoria fino all’alba.
E invece stiamo parlando del We Play Music & Art Festival 2012, che invaderà il Palazzo Dei Congressi a Pisa la sera del 10/03/12.

Nato dall’idea di proporre condivisione culturale, crescita artistica, supporto a sempre nuovi talenti musicali, che niente hanno da invidiare ai dj più conosciuti già da tempo sull’onda del commercio, occasione per poter stimolare l’alternatività e la creatività, questo festival promette un’ottima riuscita.
Grazie al lavoro dell’Associazione Culturale UMA Creative Project, Pisa veste il suo Pala Congressi di vivacità, lasciando spazio soprattutto alla musica elettronica, da sempre veicolo sia di divertimento, sia di sviluppo tecnologico.

Il 10 avrete il piacere di scatenarvi e di ascoltare alcune delle crew più in voga in città, padrone delle feste universitarie ma anche attive nel panorama toscano, che tengono il banco delle serate nei locali extraprovinciali, insieme a dj di fama internazionale.

Alcune di queste, come i Pornorockerz, fioriscono in un contesto libero e ricco di ispirazione, grazie alla collaborazione con artisti di maggiore esperienza, confluendo insieme sotto una delle etichette più conosciute del momento, la Fresh Pump Records.
Già il nome di quest’iniziativa ci fa pensare alla voglia di portare cambiamento, una ventata d’aria fresca, facendo conoscere volti e esperienze musicali che si rinnovano continuamente.
Altri gruppi, come i Numa Crew, sono ormai famosi anche a livello internazionale, avendo avuto la possibilità di esibirsi e di esportare la loro musica, che spazia dalla dubstep alla jungle dub più tradizionale, soprattutto a Londra.

Liberissimi ancora di non crederci. Questo tipo di realtà esistono anche in piccole città come Pisa, per questo non bisogna vanificare l’impegno di chi lavora a questo tipo di eventi, ma sfruttare al massimo ciò che ci viene offerto come ottima occasione non solo per divertirsi e svagarsi, ma anche per imparare a conoscere nuove realtà e perché no, anche farsi venire qualche spunto le iniziative future!



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 27 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.