Venerdi, 22 settembre 2017 - ORE:22:40

I Red Hot Chili Peppers vi faranno ballare come un dente da latte. Parola di Flea

red hot chili peppers

red hot chili peppers

I  Peperoncini Rossi Piccanti sono tornati

Come ogni buon finale di stagione di serie televisiva, il 2011 per i fan dei Red Hot Chili Peppers si era chiuso con un classico “Ehhh noooo!” seguono altre imprecazioni. Per chi non se ne fosse accorto il chitarrista dell’album “I’m With You” non era John Frusciante.

No ma va be’, lo ha già fatto una volta, nel ’92 quando Frusciante lasciò all’improvviso il gruppo durante una tournée, per poi tornare nel ’98. Flea definì la cosa come “un salto fuori dal cerchio”. L’episodio colpì moltissimo un giovane scrittore nostrano, Enrico Brizzi. Il titolo del suo libro d’esordio, “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” è riferito proprio a quell’episodio. Il nome è stato cambiato per evitare di incorrere in sbattimenti legali.

Stavolta sembra che John non sia intenzionato a tornare a casa a dormire. Almeno ha avvertito per tempo, dando modo agli altri componenti di organizzare dei provini. Il vincitore è stato Josh Klinghoffer. Un passaggio di testimone un po’ “raccomandato”: Frusciante e Klinghoffer hanno collaborato insieme a lavori solisti di quest’ultimo.

La nuova composizione dei Red Hot Chili Peppers dopo Frusciante

I nuovi 4 moschettieri, Anthony Kiedis (voce), Josh Klinghoffer (chitarra e tastiere), Flea (basso, pianoforte e tromba), Chad Smith (batteria e percussioni), hanno suonato tutti insieme nel 2011 per l’album “I’m with You”, (in Italia disco di platino, mica pizza e fichi).

Flea durante un’intervista alla rivista Rolling Stones ha dichiarato: “Abbiamo un nuovo chitarrista e dal suo arrivo c’è stato un vero e proprio processo di rielaborazione del nostro equilibrio come band. Siamo decisamente più in sintonia. Ora dobbiamo tirarci su le maniche, andare in studio e fare il nuovo album. La parte di scrittura è già quasi conclusa, credo che potremo entrare in studio entro un paio di mesi. […]

Mi piace davvero quello che abbiamo scritto fino ad ora e si tratta di materiale anche molto divertente da suonare”.
Il neo chitarrista ha dichiarato che la band avrebbe già tra le mani 30 canzoni, dopo aver passato praticamente tutti i giorni in studio di registrazione (che poi è quello che fanno tutti i giorni le persone normali quando vanno a lavoro, perché sorprendersi?!).

In quanto all’uscita non c’è una data precisa, forse nemmeno un anno preciso. Flea non si sbilancia sull’uscita dell’undicesimo album dei Red Hot Chili Peppers, spera soltanto che tra un anno avremo l’album pubblicato tra le mani e la band sarà (addirittura) in tour mondiale.

Di peperoncini ne esce uno nuovo ogni anno, ed è sempre il più piccante del mondo. Forse i Red Hot avrebbero dovuto prendere ispirazione dai peperoncini. Fare cose nuove e piccanti. Il punk è nato nel 1976 e finito nel 1979. Le farfalle vivono di più. Va bene tornare indietro, fare canzoni con il genere con cui hai iniziato, ma fare un salto di 35 anni forse è un po’ troppo.

Ma Flea ci tiene a dire un’ultima cosa: “È figo, estremamente ballabile, funky e davvero introspettivo, davvero un bel lavoro. Suona bene ed è davvero una goduria suonarlo”. Non resta altro che aspettare.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 16 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.