Giovedi, 21 settembre 2023 - ORE:16:34

La confessione di Gino Paoli: Dopo l’esibizione al Festival, ha detto tutta la verità sulla sua vita

Indice

Loading...

‘La gatta’ vendette 80 copie, il successo arrivò solo dopo grazie al juke-box. ‘Sassi’ fu criticata perché troppo esistenzialista per la musica leggera di allora. Mogol, che lavorava per Ricordi, mi criticò quando gli presentai ‘Senza fine’ e mi disse: ‘Ma come, va il rock and roll e tu porti un valzer?’. Non volevo scrivere canzoni politiche, le mie canzoni già lo erano in un certo senso. ‘Il cielo in una stanza’ fu rifiutato dall’editore Alfredo Rossi e anche da Miranda Martino. Se ne pentirono dopo che Mina la trasformò in un grande successo. Per avere successo il talento conta, ma non quanto la fortuna, quella serve sempre… PER CONTINUARE A LEGGERE, CLICCA SUL PUNTO 3 DELL’INDICE


Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 7 seconds
Scrivi la tua opinione

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.