Lunedi, 23 ottobre 2017 - ORE:13:34

Giusy Ferreri mette in note la sua “Attesa” maturata tra Milano, Londra e Los Angeles

giusy ferreri

giusy ferreri

Smartwatch free

“L’attesa” rompe l’attesa

Il 25 marzo è uscito in tutti i i negozi e in digital download “L’attesa” (Sony Music Italy/Rca), il nuovo album di Giusy Ferreri, giunto a tre anni di distanza da “Il mio universo” (2011) e trainato dal singolo presentato a Sanremo 2014 “Ti porto a cena con me”.
Un cd che racchiude l‘essenza della Ferreri , visto che 10 tracce su 12 portano proprio la firma di Giusy con collaborazioni eccellenti.
“L’attesa” racconta del tempo trascorso dall’artista alla ricerca di nuovi spunti creativi e nuovi stimoli, che hanno accresciuto la curiosità dei fan , per questo il titolo del nuovo progetto sembra davvero essere azzeccato.

Giorni, mesi , anni impiegati dalla cantautrice di origini siciliane a tessere le nuove “tele musicali”, tanto per riprendere le figure delle ragnatele presenti nell’artwork all’interno del booklet del cd curato da Floriana Mantovani, con tanto di foto di copertina del solo volto di Giusy, bellissimo scatto dell’ormai affezionato fotografo Alessandro Gerini.
Ma nel cd c’è spazio a foto di Giusy sui tessuti aerei, un’arte da lei stessa approfondita grazie all’incontro con tre acrobate, e del cui incontro già ne avevamo visto i frutti all’interno del videoclip “Noi brave ragazze”.

L’incontro tra Giusy Ferreri e  Linda Perry: il mito

Si dice che incontrare il proprio mito possa condurre ad una vera e propria delusione: non è stato il caso di Giusy per quanto riguarda il confronto musicale che è avvenuto con Linda Perry, l’esempio musicale più autentico per Giusy; la realizzazione del sogno di collaborare con lei perciò si è avverato , in due speciali occasioni dalle quali sono nate diverse canzoni, 4 delle quali inserite nel nuovo cd. “Nessuno come te mi sa svegliare” è uno dei pezzi più forti , lettura in lingua italiana del brano “No one wakes me up like you” dei Deep Dark Robot ( nuova formazione musicale della Perry) un brano che parte dolcemente per poi esplodere nel finale con grande forza e phatos.
“L’anima” è un brano di carattere introspettivo dove emerge la scrittura della Perry a volte basata su facili giri armonici ma che permette la costruzione di melodie d’effetto: in questa vi è permesso a Giusy anche di giocare con la sua voce. “Per dare di più” è un brano che ripercorre l’esperienza americana di Giusy , flash delle strade di Los Angeles coperte da “fiori viola” che permettono alla cantante stessa di scoprirsi nuova e rigenerata. “Victoria” infine è un brano fresco sulla figura di un’ acrobata che guarda la realtà da un altro punto di vista, canzone di gradevole ritmo e un testo tessuto in modo suggestivo e affascinante come la figura alla quale si riferisce.

Suoni e ricerca con Yoad Nevo

Altro fortunato incontro è stato quello con Yoad Nevo, produttore di origini israeliane trapiantato a Londra, che ha lavorato con nomi del calibro di Jem, Bryan Adams, Sugababes, Goldfrapp.
In una giornata sono nati 7 brani, solo 4 inseriti nel cd e che possiamo definire i più sperimentali e con sonorità maggiormente contaminate.
Infatti si passa da uno dei brani più d’impatto del cd “La bevanda ha un retrogusto amaro” , dove la storia di una serata in discoteca tra droghe e abusi si accompagna a ipnotiche sonorità new wave agli scenari apocalittici, e alla genesi di nuove ere dove l’amore solo sembra salvarci in “Neve porpora” dai suoni dark, dark wave, ammalianti e di atmosfera.
Menzione speciale per “Lacrime” con un rock splendidamente arrangiato e alla ghost track dai suoni post punk “Ho ucciso il diavolo” ,l’unica traccia non prodotta del cd interamente suonata da Nevo.

Le collaborazioni italiane con Casalino ed Ermal Meta

La collaborazione con Roberto Casalino è una costante nei progetti di Giusy: in questo nuovo progetto possiamo assaporare tre brani: due già sentiti a Sanremo 2014 che vede Giusy solo come interprete “L’amore possiede il bene” , scritta con Niccolò Verrienti ( che si candida ad essere un buon singolo estivo grazie alla scrittura fresca e al sapiente tappeto ritmico) e “Ti porto a cena con me” , scritta con Dario Faini, primo singolo estratto da “L’Attesa” , che emerge per eleganza e coinvolgimento emotivo. “Inciso sulla pelle” è il brano dal sapore amaro, una coinvolgente riflessione sul perdono che apre il progetto, frutto della collaborazione tra Roberto e Giusy, dove emerge davvero una scrittura d’effetto con frasi che colpiscono a fondo “Ho impiegato ogni ora a riempir la tua vita, senza troppa cautela ho svuotato la mia..”
Ermal Meta è alla prima collaborazione con Giusy in “Qualunque vita è straordinaria” ed è a proprio a questo brano è consegnata la chiusura del progetto, che vede la partecipazione della scrittura di Giusy , brano che ha dedicato al padre e al fratello. Questo perché entrambi hanno vissuto recentemente delle grossi difficoltà ma grazie alla voglia di lottare e vivere al massimo ogni giorno come fosse “un ‘ora e senza inutili perché” si riappropriano man mano a pieno della loro vita. Delicato e spiazzante , se si pensa a come ognuno di noi si possa ritrovare nelle parole della canzone.
Un disco che cresce ascolto dopo ascolto, un progetto che vedrà la sua dimensione live nel prossimo autunno/ inverno.
Ora non ci resta altro che godere di questo piccolo gioiellino, creato da una voce un’autrice che porta sulle spalle ancora il peso di tanti pregiudizi , ma nonostante tutto il suo volo tra le note è più leggero che mai.

Canali ufficiali di Giusy:
Sito ufficiale
Sito fanclub
Facebook
Twitter

Qui sotto l’anteprima del Cd:



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 5 minutes, 22 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.